News

31 Dicembre 2020

Sfratti bloccati fino al 30 giugno 2021

Il decreto Milleproroghe ha introdotto un’ulteriore proroga per il blocco degli sfratti a causa dell’emergenza covid. Sarà in vigore per altri 6 mesi, fino al 30 giugno 2021.

Il testo del decreto Milleproroghe, da una parte proroga il blocco degli sfratti, ma dall’altra aggiunge anche dei paletti.

La proroga fino al 30 giugno 2021 della sospensione dell’esecuzione degli sfratti riguarderà:

a) i provvedimenti di rilascio adottati per mancato pagamento del canone alle scadenze (sfratto per morosità);
b) gli sfratti relativi a immobili pignorati che siano abitati dal debitore esecutato e dai suoi familiari.

Non potranno quindi essere eseguiti i provvedimenti di rilascio per morosità per contratti di locazione uso abitativo o commerciale;

non potrà essere eseguito l’ordine di liberazione o il decreto di trasferimento contenente l’ordine di rilascio dell’immobile pignorato che sia abitato dal debitore esecutato quale abitazione principale;

art. 13 “La sospensione dell’esecuzione dei provvedimenti di rilascio degli immobili, anche ad uso non abitativo, prevista dall’art. 103, comma 6, del decreto – legge 17 marzo 2020, n. 18, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 aprile 2020, n. 27, è prorogata sino al 30 giugno 2021 limitatamente ai provvedimenti di rilascio adottati per mancato pagamento del canone alle scadenze e ai provvedimenti di rilascio conseguenti all’adozione, ai sensi dell’articolo 586, comma 2, c.pc., del decreto di trasferimento di immobili pignorati ed abitati dal debitore e dai suoi familiari.”

Fino al 30 giugno 2021 gli ufficiali giudiziari, qualora sussistano i presupposti di legge, non potranno dunque procedere alla notifica del preavviso ex art. 608 cpc, né si potrà procedere ad eseguire provvedimenti di liberazione quando trattasi di immobile abitato dal debitore e dai suoi familiari.

Si potrà continuare, senza alcun limite, alla notificazione dell’intimazione di sfratto per morosità o per finita locazione, nonché a tutte le azioni che dovessero risultare necessarie a costituirsi un titolo esecutivo valido per la futura liberazione dell’immobile.

La sospensione si applica a tutti i provvedimenti di rilascio generalmente intesi (convalida di sfratto; ordinanza provvisoria di rilascio; decreto di trasferimento).

Il blocco non opera in via automatica nelle seguenti ipotesi:

  • rilascio di immobili a seguito di decreto di trasferimento quando l’immobile sia detenuto senza titolo, essendo previsto il blocco solo nel caso che l’immobile sia abitato dal debitore e dai suoi familiari;
  • rilascio per la finita locazione a seguito di sentenza, provvedimento d’urgenza e locazione stagionale per scadenza del termine contrattuale.

https://www.gazzettaufficiale.it/eli/gu/2020/12/31/323/sg/pdf

Commenti

La redazione

Gentile Francesca, se ha un contratto ed ha avuto lo sfratto per morosità può beneficiare della proroga fino al 30.06.2021. Per quanto riguarda la sua impossibilità a reperire un immobile purtroppo la legge non fornisce alcun ausilio. A volte è utile rivolgersi ai servizi sociali della propria città, anche per beneficiare di eventuali contributi per la morosità incolpevole. Come esempio la invitiamo a consultare la pagina relativa della Regione Lazio http://www.regione.lazio.it/rl_casa/?vw=contenutidettaglio&id=439

Francesca

Ho ricevuto lo sfratto immediato a dicembre 2020,ad oggi sto occupando l immobile con i miei figli, per causa del cdv19 sono venuta a meno dei pagamenti, come posso fare se fino ad oggi non ho trovato in altra casa? Spero di avere una risposta Grazie

La redazione

Gentile Sara, come riportato nell'articolo la procedura di convalida di sfratto non è interessata dalla sospensione delle procedure esecutive. Potrà quindi proporre l'azione giudiziaria per il rilascio dell'immobile. Per quanto riguarda il suo caso specifico le consigliamo di rivolgersi ad un avvocato.

sara

Buonasera, volevo chiedere se posso chiedere lo sfratto nel caso in cui abbia bisogno di occupare l'unico immobile di mia proprietà ora dato in locazione (io attualmente vivo a mia volta in affitto). Grazie

Cesare

Secondo me il caso sopra riportato potrebbe non rientrare nella proroga degli sfratti, non trattandosi di sfratto per morosità, né di ordine di liberazione a seguito di decreto di trasferimento.

Mario

Salve, avrei da porvi un quesito. Ho acquistato tre anni fa all'asta la nuda proprietà di un immobile. Ad agosto 2019 l'usufruttuario (la madre dell'esecutato) viene a mancare, quindi si procede a riunione di usufrutto. Nonostante l'invito a liberare la casa, il secondo figlio (non l'esecutato) che abitava con lei, insieme al suo relativo nucleo familiare, continua ad occupare l'immobile, a questo punto senza alcun titolo. Ho presentato ricorso per lo sfratto e a giugno 2020 ho ottenuto ordinanza di sfratto con effetto immediato. La mia casistica rientra nella nuova proroga fino a giugno 2021? Vi ringrazio anticipatamente per il tempo che vogliate dedicarmi. Cordialmente.

Ultimi articoli

E-learning 27 Maggio 2024

AVVISO – PUBBLICAZIONE LINKS -Corso FPFP24008 – PROGETTO EJNita 2.0 – 30/31 maggio 2024

Corso FPFP24008 “Il punto sulla giurisprudenza della Corte di Giustizia e della Corte di Cassazione in materia di cooperazione giudiziaria civile” PROGETTO EJNita 2.

E-learning 25 Maggio 2024

9 e 10 luglio 2024 convegno sugli strumenti di cooperazione giudiziaria dell’UE in materia civile

L’8 gennaio 2024, l’UEHJ e altri partner hanno iniziato ad attuare il progetto europeo e-FILIT (Per una migliore attuazione del diritto dell’UE e l’uso dei sistemi di tecnologia dell’informazione e della comunicazione (TIC) nei settori della cooperazione giudiziaria dell’UE attraverso la formazione interprofessionale).

E-learning 6 Maggio 2024

Corso on line in materia di protezione dei dati per Ufficiali Giudiziari 13 e 14 giugno 2024

Il giorno 13 e 14 giugno 2024 l’Associazione Internazionale degli Ufficiali giudiziari (UIHJ), il Centro per il diritto costituzionale europeo (CECL) e per l'Italia l'Associazione Ufficiali Giudiziari in Europa(AUGE), organizzano 2 giorni di formazione rivolti agli ufficiali giudiziari e a tutti coloro che in ambito giudiziario devono confrontarsi con la protezione dei dati nell'ambito dell'esecuzione civile.

E-learning 23 Aprile 2024

Il punto sulla giurisprudenza della corte di giustizia e della corte di cassazione in materia di cooperazione giudiziaria civile

PROGETTO EJNITA 2.0 Data: 30 e 31 maggio 2024Luogo: on line su piattaforma Microsoft Teams Responsabile del corso: Roberto Giovanni Conti, Loredana Nazzicone Esperte formatrici: Roberta Bardelle, Elena D’Alessandro Per i dettagli clicca qui Il corso – parte integrante dei programmi di aggiornamento sulla giurisprudenza offerti dalla SSM – è organizzato nel contesto del progetto EJNita 2.

torna all'inizio del contenuto