Circolari

24 Novembre 2021

Recupero coattivo dei compensi previsti dall’art. 122

Ufficio NEP di Cagliari Quesito in materia di recupero coattivo dei compensi previsti dall’art. 122, comma 4, del D.P.R. 15 dicembre 1959 n. 1229 e succ. mod. ed integr. (Ordinamento degli Ufficiali giudiziari) Emanazioni di ingiunzioni amministrative ex Regio Decreto n. 639 del 14.04.1910 a seguito di inadempimento al pagamento delle somme liquidate a titolo dei precitati compensi da parte dei difensori mandatari delle procedure esecutive mobiliari.

Con riferimento al quesito inerente la materia indicata in oggetto, formulato dal funzionario UNEP dirigente del locale Ufficio NEP, pervenuto da codesta Presidenza con la nota richiamata in indirizzo, si rappresenta quanto segue.

Il recupero coattivo dei compensi previsti dall’art. 122, comma 4, del D.P.R. 15 dicembre 1959 n. 1229 non può essere curato direttamente dall’Ufficio NEP interessato nei confronti del creditore procedente che risulti inadempiente al pagamento dei predetti compensi, in quanto l’Ufficio NEP non è dotato di rappresentanza giuridica autonoma.

Tuttavia, come già indicato nella nota ministeriale prot. m_dg.DOG.25/10/2018.0220091.U in risposta ad apposito quesito, considerando che il decreto con cui il giudice dell’esecuzione liquida il compenso in questione riveste natura di titolo esecutivo, l’Ufficio NEP, a parere dello Scrivente, in caso di mancato ottemperamento spontaneo al pagamento decretato dal giudice

dell’esecuzione, deve avvalersi dell’istituto della c.d. ingiunzione amministrativa prevista e disciplinata dal R.D. 14 aprile 1910 n. 639, al fine di avviare la fase del recupero delle somme dovute ex lege dalla parte procedente nel processo esecutivo all’esito della procedura esecutiva mobiliare in favore degli ufficiali giudiziari.

Pertanto, l’Ufficio NEP che rileva il mancato pagamento del compenso di cui trattasi dovrà richiedere – con apposita istanza – l’emanazione di apposita ingiunzione amministrativa di pagamento al Capo dell’Ufficio giudiziario o al magistrato delegato alla sorveglianza UNEP, allegando la copia conforme all’originale del decreto di liquidazione del compenso, rilasciata dalla competente Cancelleria esecuzioni mobiliari.

L’ingiunzione in parola che contiene – ai sensi dell’art. 2, comma 1, del cit. R.D. 639/1910 – l’ordine di pagare entro 30 giorni, sotto pena degli atti esecutivi, debitamente comunicata all’Ufficio NEP interessato dovrà essere a sua volta notificata a cura di quest’ultimo – con le modalità previste per i biglietti di Cancelleria – a mezzo PEC al difensore mandatario della procedura esecutiva.

All’esito della predetta notificazione, in caso di inadempimento della parte tenuta al pagamento del compenso di cui trattasi, l’Ufficio NEP – mancando di legittimazione processuale per quanto evidenziato sopra – dovrà necessariamente investire, tramite il Capo dell’Ufficio giudiziario, l’Avvocatura distrettuale dello Stato territorialmente competente per il seguito di competenza inerente, per l’appunto, alla fase esecutiva del recupero credito da lavoro dipendente in favore del personale UNEP.

Si invita a portare a conoscenza del funzionario UNEP dirigente dell’Ufficio NEP in sede il contenuto della presente nota, per gli adempimenti di competenza in merito ai punti rappresentati nel quesito formulato.

Roma, 2 novembre 2021

Il Direttore generale Alessandro Leopizzi

Ultimi articoli

Uncategorized 12 Luglio 2022

Domande antiche per affrontare il futuro – contributo scritto al Congresso U.I.H.J. di Dubai 2021 – Orazio MELITA

Stimatissimo sig. Presidente, gentili colleghe, egregi colleghi[1], il tema portante di questo congresso è quanto mai di primaria importanza, non c’è alcun dubbio che l’umanità stia vivendo in questi anni una rivoluzione epocale ancor più profonda della rivoluzione industriale, in altre parole la casa, il nostro nuovo habitat, in cui siamo destinati a vivere sarà digitale ma proprio per questo prima ancora di domandarci quali tende mettere alle finestre di questa nuova casa dobbiamo interrogarci sul terreno su cui poggia per esser sicuri delle sue fondamenta.

Uncategorized 12 Luglio 2022

Lettera aperta in occasione dei referendum sulla giustizia

Caro elettore italiano, mi rivolgo a te, a tutti voi in questa tornata referendaria sulla “giustizia” sia che abbiate scelto di votare cinque “sì”, sia che abbiate preferito votare “no” oppure che abbiate esercitato il vostro diritto di non votare per alcuni o per tutti i quesiti referendari.

Uncategorized 8 Giugno 2022

IL PIGNORAMENTO PRESSO TERZI: COSA CAMBIA DAL 22 GIUGNO 2022?

IL PIGNORAMENTO PRESSO TERZI: COSA CAMBIA DAL 22 GIUGNO 2022? Il 24 dicembre 2021 è stata pubblicata in G.

torna all'inizio del contenuto