Esecuzioni

30 Novembre 2020

In vigore dal 1° dicembre 2020 il decreto che recepisce l’ordinanza europea di sequestro conservativo sui conti bancari

In vigore dal 01 dicembre 2020 il decreto legislativo 26 ottobre 2020 n. 152 di adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del regolamento (UE) n. 655/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio del 15 maggio 2014 che istituisce una procedura per l’ordinanza europea di sequestro conservativo su conti bancari al fine di facilitare il recupero transfrontaliero dei crediti in materia civile e commerciale (European Account Preservation Order, EAPO).

Riportiamo di seguito i punti salienti del decreto che recepisce il regolamento (UE) n. 655/2014 che istituisce una procedura per l’ordinanza europea di sequestro conservativo su conti bancari al fine di facilitare il recupero transfrontaliero dei crediti in materia civile e commerciale e dal relativo regolamento di esecuzione (UE) n. 2016/1823 che faciliterà il recupero crediti transfrontaliero dei crediti alimentari:

  • applicabilità delle norme contenute nel libro III e nel libro IV, titolo I, capo III, del codice di procedura civile;
  • il presidente del tribunale dispone la ricerca delle informazioni con le modalità telematiche di cui all’articolo 492 -bis , secondo comma, primo e secondo periodo, del codice di procedura civile, e nel caso in cui le strutture tecnologiche, necessarie a consentire l’accesso diretto da parte dell’ufficiale giudiziario alle banche dati di cui all’articolo 492 -bis del codice di procedura civile e a quelle individuate nell’elenco di cui all’articolo 155 -quater , primo comma, delle disposizioni per l’attuazione del codice di procedura civile e disposizioni transitorie, non siano funzionanti, l’ufficiale giudiziario ottiene dai rispettivi gestori le informazioni nelle stesse contenute;
  • forma del sequestro: il sequestro si esegue secondo le norme previste dall’articolo 678 del codice di procedura civile per il pignoramento presso terzi (art. 5), successivamente alla notificazione o comunicazione al debitore di cui all’articolo 28 del regolamento;
  • comunicazione degli atti: la trasmissione degli atti di cui all’articolo 23, paragrafo 3, secondo comma, del regolamento è effettuata dal creditore;
  • semplificazione adempimenti creditore: al creditore, che si è avvalso dell’ordinanza europea di sequestro dopo aver ottenuto una decisione giudiziaria o aver concluso una transazione giudiziaria in uno Stato membro dell’Unione, non si applica l’articolo 156, primo comma, delle disposizioni per l’attuazione del codice di procedura civile e disposizioni transitorie;
  • contributo unificato: Il contributo unificato per le controversie previste dal regolamento (UE) n. 655/2014 al fine di facilitare il recupero transfrontaliero dei crediti in materia civile e commerciale, si applicano:
    a) gli importi stabiliti dall’articolo 13, commi 1, lettera b) , e 1 -bis , per i procedimenti previsti dagli articoli 21 e 37 del regolamento (UE) n. 655/2014;
    b) gli importi stabiliti dall’articolo 13, comma 3, per i procedimenti previsti dagli articoli 8, 33 e 35 del regolamento (UE) n. 655/2014;
    c) gli importi stabiliti dall’articolo 13, comma 1, per i procedimenti previsti dall’articolo 34 del regolamento (UE) n. 655/2014;
    d) gli importi stabiliti dall’articolo 13, comma 1 -quinquies , per i procedimenti previsti dall’articolo 14 del regolamento (UE) n. 655/2014.»

Il recepimento del regolamento 655/2014 rappresenta un passo importante nella costruzione dei uno spazio europeo per la tutela del credito e dei diritti fondamentali.

Ultimi articoli

E-learning 27 Maggio 2024

AVVISO – PUBBLICAZIONE LINKS -Corso FPFP24008 – PROGETTO EJNita 2.0 – 30/31 maggio 2024

Corso FPFP24008 “Il punto sulla giurisprudenza della Corte di Giustizia e della Corte di Cassazione in materia di cooperazione giudiziaria civile” PROGETTO EJNita 2.

E-learning 25 Maggio 2024

9 e 10 luglio 2024 convegno sugli strumenti di cooperazione giudiziaria dell’UE in materia civile

L’8 gennaio 2024, l’UEHJ e altri partner hanno iniziato ad attuare il progetto europeo e-FILIT (Per una migliore attuazione del diritto dell’UE e l’uso dei sistemi di tecnologia dell’informazione e della comunicazione (TIC) nei settori della cooperazione giudiziaria dell’UE attraverso la formazione interprofessionale).

E-learning 6 Maggio 2024

Corso on line in materia di protezione dei dati per Ufficiali Giudiziari 13 e 14 giugno 2024

Il giorno 13 e 14 giugno 2024 l’Associazione Internazionale degli Ufficiali giudiziari (UIHJ), il Centro per il diritto costituzionale europeo (CECL) e per l'Italia l'Associazione Ufficiali Giudiziari in Europa(AUGE), organizzano 2 giorni di formazione rivolti agli ufficiali giudiziari e a tutti coloro che in ambito giudiziario devono confrontarsi con la protezione dei dati nell'ambito dell'esecuzione civile.

E-learning 23 Aprile 2024

Il punto sulla giurisprudenza della corte di giustizia e della corte di cassazione in materia di cooperazione giudiziaria civile

PROGETTO EJNITA 2.0 Data: 30 e 31 maggio 2024Luogo: on line su piattaforma Microsoft Teams Responsabile del corso: Roberto Giovanni Conti, Loredana Nazzicone Esperte formatrici: Roberta Bardelle, Elena D’Alessandro Per i dettagli clicca qui Il corso – parte integrante dei programmi di aggiornamento sulla giurisprudenza offerti dalla SSM – è organizzato nel contesto del progetto EJNita 2.

torna all'inizio del contenuto