Articoli

3 Giugno 2018

Lettera del Presidente Arcangelo D’Aurora al neo Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede

Lettera del Presidente Arcangelo D'Aurora al neo Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede

3 June 2018

Egregio Signor Ministro Avv. Alfonso Bonafede,

nell’augurarle buon lavoro per la difficile missione che intraprenderà al Dicastero della Giustizia, le comunico che l’Associazione degli Ufficiali Giudiziari in Europa che rappresento, non farà mancare il suo apporto volto a contribuire alla ricerca delle migliori risposte ai temi complessi che attanagliano la giustizia civile ed il processo esecutivo, che relegano l’Italia in fondo alle classifiche mondiali per competitività del sistema giudiziario civile e per attrattività degli investimenti.

Le riforme che hanno interessato il processo esecutivo negli anni, non hanno sortito gli effetti sperati a causa dell’incapacità di attribuire all’ufficiale giudiziario un ruolo attivo nell’ambito del processo esecutivo nonché di incentivarne il conseguimento di risultati.

L’inefficienza della giustizia non allontana solo gli operatori economici, ma per le piccole e medie imprese l’effetto domino delle insolvenze è devastante. Imprenditori che quando non riescono a recuperare i propri crediti in tempi ragionevoli, spesso si rivolgono agli usurai, alla criminalità organizzata e in fine per paradosso divengono vittime della giustizia a causa delle sue stesse inefficienze. Questo inevitabilmente porta al blocco dell’economia, ai licenziamenti, alla disoccupazione e alla povertà.

Non neghiamo che alcune delle proposte da Lei presentate dai banchi dell’opposizione, non sono condivise, così come riteniamo offensive la dichiarazione del Vice Presidente Di Maio che durante la trasmissione delle Iene del 20 maggio scorso ha definito gli Ufficiali Giudiziari “Gli scagnozzi dello Stato” per il semplice fatto che si sia eseguito uno sfratto applicando la legge. Sia la legge giusta o ingiusta è legge dello Stato e come tale spetta al parlamento modificarla e non a noi disapplicarla.

Signor Ministro, confidiamo nella sua persona affinché non si pensi che quel “malessere” giustizia – che incide profondamente nella struttura economica del paese disincentivando ogni prospettiva d’investimento – possa essere “guarito” con leggi-tampone o legittimando una giustizia “fai da té”, bensì con una radicale riforma che ponga al centro il ruolo dell’Ufficiale Giudiziario, così come lo è in tutti i Paesi Europei, e nel resto del mondo.

L’AUGE è parte integrante delle più importanti organizzazioni internazionali di categoria, grazie alle quali ha avuto l’opportunità di partecipare a numerosi progetti Europei volti al miglioramento degli standard e delle procedure in ambito di esecuzione forzata. Il confronto costante in ambito internazionale ci ha permesso di valutare pregi e difetti delle procedure esecutive adottate negli altri Paesi e di compararli con quelli Italiani.

I nostri suggerimenti rispecchiano le linee guida della C.E.P.E.J. (Commissione Europea per l’Efficienza della Giustizia) e proponiamo – adattate alla realtà ed esigenze del nostro Paese – ciò che gli altri Paesi hanno adottato da tempo, ossia una figura di ufficiale giudiziario qualificata e protagonista nell’ambito del processo esecutivo.

Alla luce di quanto appena esposto sono certo, Ill.mo Ministro, che la nostra esperienza trentennale di ufficiali giudiziari “sul campo” possa essere molto utile per l’elaborazione di una riforma del processo esecutivo che rimetta al centro lo stato ed il cittadino, per rendere celere e certo il recupero dei crediti, l’esecuzione delle sentenze, e tutto quanto relativo l’ambito del processo civile in cui è richiesto l’intervento dell’ufficiale giudiziario.

Consapevoli del nostro ruolo quali soggetti terzi ed imparziali nell’esecuzione dei provvedimenti giudiziari, ci auspichiamo massima collaborazione e apertura al dialogo per il miglioramento nell’ambito dell’esecuzione civile e d’incontrarla quanto prima per approfondire ogni singolo aspetto relativo alle tematiche su richiamate.

Le invio i miei più cordiali saluti e auguri di buon lavoro.

Il Presidente AUGE
Arcangelo D’Aurora
3472358950
angelo.daurora@gmail.com
https://www.facebook.com/arcangelo.daurora

Ultimi articoli

Uncategorized 12 Luglio 2022

Domande antiche per affrontare il futuro – contributo scritto al Congresso U.I.H.J. di Dubai 2021 – Orazio MELITA

Stimatissimo sig. Presidente, gentili colleghe, egregi colleghi[1], il tema portante di questo congresso è quanto mai di primaria importanza, non c’è alcun dubbio che l’umanità stia vivendo in questi anni una rivoluzione epocale ancor più profonda della rivoluzione industriale, in altre parole la casa, il nostro nuovo habitat, in cui siamo destinati a vivere sarà digitale ma proprio per questo prima ancora di domandarci quali tende mettere alle finestre di questa nuova casa dobbiamo interrogarci sul terreno su cui poggia per esser sicuri delle sue fondamenta.

Uncategorized 12 Luglio 2022

Lettera aperta in occasione dei referendum sulla giustizia

Caro elettore italiano, mi rivolgo a te, a tutti voi in questa tornata referendaria sulla “giustizia” sia che abbiate scelto di votare cinque “sì”, sia che abbiate preferito votare “no” oppure che abbiate esercitato il vostro diritto di non votare per alcuni o per tutti i quesiti referendari.

Uncategorized 8 Giugno 2022

IL PIGNORAMENTO PRESSO TERZI: COSA CAMBIA DAL 22 GIUGNO 2022?

IL PIGNORAMENTO PRESSO TERZI: COSA CAMBIA DAL 22 GIUGNO 2022? Il 24 dicembre 2021 è stata pubblicata in G.

torna all'inizio del contenuto