Progetti europei

L’Associazione Ufficiali Giudiziari in Europa dal dal 2010, è membro della Camera Europea degli Ufficiali Giudiziari. Grazie al cofinanziamento europeo e alla guida della Camera Nazionale Francese degli ufficiali giudiziari, partecipa a progetti europei in consorzio con altri organismi di rappresentanza degli ufficiali giudiziari.

I progetti hanno come obiettivo:

– Il rafforzamento della comunicazione elettronica;

– Il rafforzamento della cooperazione reciproca tra i diversi attori del diritto;

– Il rafforzamento del livello di conoscenza degli ufficiali giudiziari degli strumenti europei.

Tutti questi progetti sono basati sullo sviluppo di nuove tecnologie come fattore che possa migliorare l’efficacia del diritto e l’accesso alla giustizia.

La CEHJ (camera europea degli ufficiali giudiziari), creata nell’aprile 2012, è composta dagli organismi rappresentativi della professione di 7 paesi (Belgio, Scozia, Francia, Ungheria, Italia, Lussemburgo, Polonia e persegue due obiettivi complementari:

– La prosecuzione di progetti europei avviati attraverso il cofinanziamento dell’Unione Europea,

– La partecipazione al processo di sviluppo legislativo dei testi europei, utilizzati dagli ufficiali giudiziari nella loro pratica quotidiana, e la riflessione sul piano d’azione europeo in materia di giustizia.

La CEHJ mira a garantire la continuità e lo sviluppo del lavoro svolto dal consorzio di ufficiali giudiziari attraverso il cofinanziamento europeo, ma anche quello di partecipare ad altri progetti simili, al fine di condividere esperienze e garantire la perfetta l’interoperabilità degli strumenti creati. I membri del CEHJ vogliono in tal modo contribuire alla costruzione di uno spazio di giustizia europeo al servizio dei cittadini e delle imprese.

STRUMENTI PER CITTADINI E DELLE IMPRESE PER MIGLIORARE L’ACCESSO ALLA GIUSTIZIA

1.1 Trova un ufficiale giudiziario in Europa

il progetto EJE (Esecuzione giudiziaria in Europa), cofinanziato per un periodo di due anni (2010-2012) [1], ha permesso la creazione di un repertorio europeo di ufficiali giudiziari, attraverso il quale ogni cittadino può facilmente identificare l’ufficiale giudiziario competente a notificare un atto (secondo regolamento UE 1393/2007 [2]) e accelerare misure di esecuzione.

Il CEHJ assicura dal giugno 2012, la gestione e la promozione di un database ufficiali giudiziari per consentirne l’argamento e l’integrazione con il portale e-Justice, come strumenti di “trova un notaio ‘/’ trova un avvocato “.

I colloqui sono in corso con il Ministero della Giustizia Estone, capofila del progetto europeo “strumento per l’esecuzione transfrontaliera” per integrare le directory nazionali estoni, la Lettonia e la Lituania all’elenco europeo degli ufficiali giudiziari. Così, i partner del progetto potrebbero usare il elenco europeo per identificare l’ufficiale giudiziario competente, invece di sviluppare una directory ad hoc, che permetterebbe di risparmiare tempo, ridurre i costi e garantire l’interoperabilità dei loro strumento gli standard europei (stabiliti in particolare nel contesto del progetto e-CODEX).

Inoltre, circa l’elenco europeo, il ministro francese della Giustizia Christiane Taubira, ne ha sottolineato l’importanza al Consiglio Giustizia e affari interni del 6 giugno, offrirà la possibilità di identificare facilmente l’ufficiale giudiziario competente nel contesto dell’ordinanza europea di pignoramento dei conti bancari, al fine di praticare il sequestro conservativo su conti bancari nello Stato membro di esecuzione. Questo strumento indispensabile per la velocità e l’efficienza del procedimento europeo di sequestro.

1.2 Migliorare la conoscenza delle procedure di esecuzione civile degli Stati membriIl progetto EJE anche permesso la creazione di schede sulle procedure applicabili per dare esecuzione ad una decisione del tribunale in ogni Stato membro del partenariato.Se, infatti, il diritto europeo promuove la libera circolazione dei titoli esecutivi in Europa, la possibilità per i cittadini europei di attuare concretamente un tribunale in un altro paese dell’Unione europea deve affrontare molte ostacoli pratici, a partire dalla conoscenza delle regole nei diversi sistemi giuridici.Disponibile in 7 lingue (inglese, francese, tedesco, italiano, ungherese, polacco e olandese) tramite il sito web del CEHJ, queste schede offrono ai cittadini schema di possibili misure (misure prima dell’esecuzione, misure precauzionali, sequestro beni mobili, immobili sequestro …) per facilitare i loro sforzi nel contesto delle controversie transfrontaliere.

STRUMENTI AL SERVIZIO DEGLI UFFICIALI GIUDIZIARI PER MIGLIORARE LA LORO PARTECIPAZIONE ALLO SPAZIO EUROPEO DI GIUSTIZIA

2.1 Gli atti di scambio, in modo sicuro, per via elettronica

Il progetto (e-justice servizio) EJS si propone di istituire un meccanismo per lo scambio di atti tra ufficiali giudiziari in Europa, per migliorare il funzionamento del regolamento UE sulla circlazione degli atti in Europa. EJS è il primo progetto internazionale per sviluppare una trasmissione elettronica degli atti tra ufficiali giudiziari nelle controversie transfrontaliere. Esso consiste nella creazione di una piattaforma per lo scambio di supporti cartacei sicuri tra gli atti ufficiali giudiziari operanti in Stati diversi.

Il progetto, cofinanziato per un periodo di due anni (2011-2012), ha completato la sua prima fase di sviluppo, nella misura in cui i partner EJS [3] hanno voluto affidare alla CEHJ la continuazione del loro lavoro (durante il comitato di chiusura del 9 ottobre), in particolare per quanto riguarda la connessione della loro piattaforma con quella creata per per e-CODEX. I membri della CEHJ dovrebbero, in linea di principio, consentire di riprendere il progetto EJS in occasione della prossima assemblea generale che si terrà il 12 novembre.

2.2. Sviluppare la conoscenza degli ufficiali giudiziari sugli strumenti europei

L’e-learning, o per lo meno l’integrazione di formazione – almeno in parte – delle nuove tecnologie, è entrato nella vita quotidiana dei cittadini e delle imprese, come un semplice strumento di comunicazione per la dematerializzazione dei moduli di formazione e la creazione di banche dati.

Così, il progetto EJL (e-learning ufficiali giudiziari europei “), cofinanziato dall’Unione Europea (marzo 2012-2014) mira alla creazione di moduli di insegnamento di e-learning su strumenti europei utili agli ufficiali giudiziari nella pratica quotidiana. I partner EJL [4] si riuniranno il 13 e 14 novembre prossimo in Polonia per celebrare il secondo comitato di pilotaggio del progetto per definire le specifiche dei moduli didattici interattivi e contenuti educativi. Infatti, la piattaforma EJL offrirà agli ufficiali giudiziari tutti i moduli UE in materia di strumenti europei utili per la loro attività quotidiana (componente generale in 23 lingue dell’UE) e la loro applicazione pratica in 5 Stati membri del partenariato (componente specifico in 6 lingue dell’UE).